Ingredienti Sigarette: Cosa C’è Dentro?

Il prodotto più venduto del mese su Amazon
Più Venduto # 1
Borsello porta tabacco, cartine, filtri e accendino - Astuccio portatabacco di stoffa Maki
Borsello porta tabacco, cartine, filtri e accendino - Astuccio portatabacco di stoffa Maki
Leggero e facile da portare con sé in tasca, in borsa o nello zaino; È il regalo perfetto per gli amici che preferiscono le sigarette fai-da-te
17,99 EUR Amazon Prime

Ingredienti delle sigarette, non immagini cosa c’è dentro

Accendendo una sigaretta si é normalmente portati a pensare che in quel momento stiamo per fumare “tabacco“. Pochi si soffermano a riflettere che si stanno per assumere sostanze come il monossido di carbonio, il catrame e lo zolfo. E ancora meno persone sanno quali sono davvero tutti gli ingredienti delle sigarette. Scoprirli è stata una sorpresa ma ammetto che non ha cambiato per nulla la mia concezione sul fumo. Sono sempre convinto che non bisognerebbe abusarne ma è impossibile rinunciare al piacere di fumare, soprattutto se lo si fa per una questione di gusto e di puro piacere.

Rientrando in tema, nella mia ricerca degli ingredienti impiegati tra le varie case produttrici, mi sono soffermato sul fatto che nelle sigarette confezionate gli ingredienti chimici presenti sono decisamente in maggior numero. Non tanto nel tabacco, quanto nel materiale stesso della sigaretta (cartina, filtro) dove le sostanze chimiche sono principalmente coloranti e leganti vari. Non sto avvalorando la tesi secondo cui le sigarette rollate facciano meno male rispetto quelle confezionate, ma è un fatto abbastanza lampante che in quella già pronta risiedono maggiori quantità di elementi sintetici.

Nella seguente lista ho riportato gli ingredienti pubblicati dalle case produttrici, esposti nel sito della AAMS e consultabili da tutti a questo indirizzo. I valori della lista che ho stilato non appartengono tutti allo stesso tipo di sigaretta/tabacco ma sono presenti parzialmente in tipi e in marche differenti. Potete farvi un’idea più chiara consultando voi stessi le liste ufficiali. Qui ho soltanto voluto esporre quante sostanze impensabili è possibile trovare nel tabacco, dalle più “simpatiche” come il succo di fico e il miele di fiori d’arancio a quelle dai nomi più “agghiaccianti”, ma che in realtà sono aromi, umettanti, conservanti e coadiuvanti e non per forza agenti velenosi.

Il prodotto più venduto del mese su Amazon
Più Venduto # 1
HIBRON Porta tabacco Borsello in vera pelle (58105 Grigio)
HIBRON Porta tabacco Borsello in vera pelle (58105 Grigio)
Dimensioni: il portasigarette arrotolato misura 16,4 x 8,6 x 2,6 cm.; Il distributore di carta è ideale e compatibile con diversi formati di carta fumatori.
Pubblicità

Ci sono 7 commenti

  1. In verità, la nicotina non è la sostanza più nociva, perchè, se assunta in quantità non industriali, è si un vasocostrittore, ma i suoi effetti sono a tempo determinato, e nel giro di poco tempo la si elimina totalmente ! Il vero killer, è il residuo di catrame, che si appiccica alle pareti dei polmoni occludendo gli alveoli, e vi rimane molto a lungo !! Secondo me, come in tutte le cose della vita, l’equilibrio è quello che ci salva, nel senso che, se si fuma con parsimonia, si pratica un pò di sport, si mangia bene, ecc ecc…..anche il fumo non riesce a provocare grossi danni, perchè lo si smaltisce adeguatamente. Purtroppo, spesso è un accumulo di stili e di abitudini sbagliate di vita a creare i veri danni !! Criminalizzare il fumo, e solo il fumo, è veramente banale ed ipocrita !! Mi sono sempre chiesto perchè, nelle etichette di qualsiasi bevanda alcolica, o di altri prodotti alimentari, non ci scrivono le stesse cose che scrivono sulle canfezioni di tabacco !! L’alcolismo, è una piaga molto più grande del tabagismo !! Conosco persone anziane (una signora compirà 100 anni quest’anno !! ) che hanno sempre fumato, e godono di ottima salute, come ho conosciuto altre persone, che non hanno mai toccato una sigaretta, e sono morte in età nemmeno molto avanzata di cancro al polmone !! Con questo non voglio dire che fumare fa bene, ma sicuramente fa male esattamente come tante altre cose !!! Anche io credo che se scrivono “Tabacco 100%” sia vero, e preferirei fumare quello, ma, purtroppo, non mi soddisfa al palato come altri tabacchi un pò manipolati !! Per questo motivo, mi informo sulle correzioni, perchè se sono cose “naturali” mi vanno anche bene, ma non mi va di fumare una fabbrica chimica, come spesso sono le sigarette confezionate !!!

  2. @Jampa, io fumo soprattutto tabacchi naturali, non certo perchè penso che facciano meno male (quella che fa male è la nicotina, punto e basta. Gli additivi magari possono aumentarne leggermente la dannosità, secondo me). Piuttosto sono i miei tabacchi preferiti perchè, se voglio, li posso “personalizzare”, sia aromatizzandoli sia miscelandoli ad altri. I tabacchi trattati, invece, se li fumo troppo a lungo, mi annoiano e, a dirti la verità, alcuni mi puzzano di sigaretta classica; per questo preferisco fumarli ogni tanto, giusto per spezzare con i naturali. Che, a proposito, naturali penso che debbano esserlo, se vengono commercializzati come tali: non so come si chiama, ma mi pare che esiste un reato se si mette in commercio qualcosa a cui si attribuiscono caratteristiche che poi in effetti quel qualcosa non ha.

    1. rossella ma che cavolo dici?????
      è tutto il resto che ti provoca i danni hai polmoni non la nicotina, la nicotina è il principio attivo che ti da la dipendenza,
      sono tutte le alter cose che ci mettono dentro e la combustione che ti rovinano I polmoni.
      informatevi.

  3. Beh…..certo, la fiducia è una cosa seria, diceva un famoso spot pubblicitario !! :) Io tendo a credere che certi controlli siano fatti scrupolosamente ! In Italia, anche sugli alimenti, siamo sempre stati all’avanguardia in queste cose, e spero davvero sia la verità !!! Effettivamente, tranne che per il Sodio Benzoato, gli additivi che vengono elencati non dovrebbero essere così nocivi ! Il Sodio Benzoato pare che sia una sostanza pericolosa, ma solo se associato ad altre, ed in grandi quantità……speriamo bene eh !! Ciao a presto

  4. Ciao Jampa, rispondo subito al primo interrogativo. Un trinciato prima di essere commercializzato viene analizzato nei laboratori del Monopolio e successivamente messo in vendita. Si presume (e si spera anche) che questi test siano atti a garantire che in quel tabacco non ci siano appunto “topi morti” :D probabilmente alcuni ingredienti sono vincolati da segreto aziendale, pertanto non possono essere resi pubblici, quindi ancora una volta non ci rimane che sperare che si tratti solo di una questione di segretezza nei confronti delle case produttrici avversarie piuttosto che verso noi poveri consumatori. Hai ragione sul naturale, ma a volte mi chiedo se siano davvero naturali…d’altronde come non fai a chiederti se sono davvero senza alcun tipo di additivo o aggiunta sintetica? Dovremmo trovarci nella fabbrica per saperlo con certezza :D

    Grazie per i complimenti, speriamo di trovarti presto in altri post ;)

  5. Effettivamente, ho sempre cercato di scoprire cosa mettono nel tabacco, con scarsi ed oscuri risultati ! Ora ho le idee un pò più chiare, ma mi rimane un interrogativo, nel sito AAMS, è specificato che alcuni ingredienti non sono riportati, perchè coperti da segreto aziendale ( tipo Coca Cola…) Ora io mi chiedo : se la legge obbliga le aziende a dichiarare gli ingredienti, come mai permette questi segreti ?! In queste ricette nascoste, potrebbero esserci dentro i topi morti e nessuno lo saprebbe mai, o lo stato le controlla, ma non può pubblicarle ? Comunque, a me piacerebbe molto fumare sempre tabacco naturale, ( Pueblo, American Spirit ecc..) ma devo riconoscere che i tabacchi additivati bene, hanno un aroma spesso molto più gradevole, e non riesco a rinunciare del tutto alla piacevolezza di certe fumate veramente gustose !!! Complimenti per il lavoro che svolgete in questo bel sito ciao a tutti !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *