Vicino
Notizie

Sostanza più Consumata al Mondo: Resta la Cannabis

Sostanza più Consumata al Mondo: Resta la Cannabis

La cannabis rimane la sostanza più consumata al mondo e prevale ancora sugli altri stupefacenti a livello globale. Nel frattempo, gli oppioidi continuano ad essere la causa del maggior danno.

Il prodotto più venduto del mese su Amazon
Più Venduto # 1
Aps 576 Set di 3 posacenere in melamina nera, Ø 8 x 3 cm
Aps 576 Set di 3 posacenere in melamina nera, Ø 8 x 3 cm
Uso: questo posacenere in melamina fa scomparire la cenere con stile.; Materiale: la melamina è il materiale di base per questi eleganti posacenere.
6,99 EUR Amazon Prime

Questi sono alcuni dei punti chiave emersi dal “Rapporto Mondiale sulla Droga” annuale delle Nazioni Unite per il 2023.

“Il consumo di droghe rimane elevato in tutto il mondo. Nel 2021uno su 17 individui tra i 15 e i 64 anni ha fatto uso di sostanze stupefacenti negli ultimi 12 mesi. Il numero stimato di consumatori è aumentato da 240 milioni nel 2011 a 296 milioni nel 2021 (5,8% della popolazione mondiale tra i 15 e i 64 anni). Ciò rappresenta un incremento del 23 percento, dovuto in parte alla crescita demografica” ha dichiarato il “riassunto esecutivo” del rapporto.

Stando al rapporto, la cannabis “continua ad essere la droga più utilizzata, con una stima di 219 milioni di consumatori (4,3 percento della popolazione adulta globale) nel 2021.”

Anche tale cifra è in ascesa – forse un effetto collaterale della legalizzazione negli Stati Uniti e in altre aree. Tuttavia, il rapporto ha evidenziato anche una disparità di genere nell’uso della cannabis.

L’uso della sostanza sta crescendo e benché i consumatori di cannabis a livello globale siano prevalentemente maschi (circa il 70 percento), la divisione di genere si sta riducendo in alcune subregioni; in Nord America, le donne rappresentano il 42 percento dei consumatori di cannabis” afferma il rapporto.

Gli oppioidi, nel frattempo, “continuano ad essere il gruppo di sostanze che maggiormente contribuisce a gravi danni legati alla droga, incluse overdosi mortali” secondo il rapporto.

Questo non sorprenderà coloro che si trovano negli Stati Uniti, che è alle prese con un’epidemia di oppioidi da oltre due decenni. Secondo il Center for Disease Control and Prevention, il numero di persone negli USA decedute per overdose di droga nel 2021 “è stato più di sei volte il numero del 1999” e “il numero di decessi per overdose di droga è aumentato di oltre il 16% dal 2020 al 2021.”

Il prodotto più venduto del mese su Amazon

Dei quasi 107.000 decessi per overdose di droga negli Stati Uniti nel 2021, più del 75% ha coinvolto un oppioide, in base ai dati del CDC.

Il CDC afferma che “l’aumento dei decessi per overdose da oppioidi può essere suddiviso in tre ondate distinte.”

La prima ondata è iniziata con la prescrizione aumentata di oppioidi negli anni ’90, con decessi per overdose che coinvolgono oppioidi su prescrizione (oppioide naturali, semi-sintetici e metadone) in aumento sin dal 1999. La seconda ondata ha avuto inizio nel 2010, con rapidi aumenti dei decessi per overdose che coinvolgevano eroina. La terza ondata è cominciata nel 2013, con un significativo incremento di decessi per overdose che coinvolgevano oppioidi sintetici, in particolare quelli che contengono fentanil illecitamente prodotto. Il mercato del fentanil prodotto illecitamente continua a mutare, e il suo ritrovamento è possibile in combinazione con eroina, pillole contraffatte e cocaina” secondo il CDC.

Il rapporto dell’ONU ha evidenziato che “una stima di 60 milioni di persone ha fatto uso non medico di oppioidi nel 2021, 31,5 milioni dei quali hanno usato oppiati (principalmente eroina).” Gli oppioidi “sono responsabili per quasi il 70 percento dei 128.000 decessi attribuiti a disturbi legati all’uso di droghe nel 2019.

“I disturbi dovuti all’uso di oppioidi hanno anche rappresentato la maggioranza (il 71 percento dei 18 milioni di anni di vita sani persi a causa di morte prematura e disabilità nel 2019,” sostiene il rapporto dell’ONU.

Esistono notevoli differenze regionali riguardo la droga principale dichiarata dalle persone che accedono ai trattamenti per la droga: nella maggior parte dell’Europa e in molte subregioni dell’Asia, gli oppioidi sono la droga più comunemente principale per individui in terapia, mentre in America Latina è la cocaina, in alcune zone dell’Africa è la cannabis e in Est e Sud-Est dell’Asia è la metanfetamina“, ha rivelato il rapporto.

Il documento ha altresì evidenziato un incremento nell’uso di droghe per via endovenosa.

Circa 13,2 milioni di persone hanno fatto uso di droghe iniettabili nel 2021“, ha indicato il rapporto. “Questa stima è superiore del 18 percento rispetto al 2020 (11,2 milioni). Tale aumento è dovuto a nuove stime disponibili negli Stati Uniti d’America e in alcuni altri paesi. L’Europa Orientale (1,3 percento della popolazione adulta) e il Nord America (1,0 percento) continuano ad essere le due subregioni con la prevalenza maggiore di persone che fanno uso di droghe per via iniettabile e, in termini assoluti, il Nord America ora detiene il numero più elevato di individui che riferiscono di iniettarsi droghe”

Il prodotto più venduto del mese su Amazon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *