Vicino
Notizie

Università dello Utah: centro per la cannabis medica cerca approvazione DEA

Università dello Utah: centro per la cannabis medica cerca approvazione DEA

Gli studiosi dell’Università dello Utah stanno avviando un centro di ricerca sulla cannabis medica e stanno cercando un sito di coltivazione approvato dalla DEA per superare alcuni ostacoli normativi.

Il prodotto più venduto del mese su Amazon
Più Venduto # 1
Aps 576 Set di 3 posacenere in melamina nera, Ø 8 x 3 cm
Aps 576 Set di 3 posacenere in melamina nera, Ø 8 x 3 cm
Uso: questo posacenere in melamina fa scomparire la cenere con stile.; Materiale: la melamina è il materiale di base per questi eleganti posacenere.
6,99 EUR Amazon Prime

Il 21 novembre, il più antico istituto superiore di istruzione dello Utah ha annunciato l’apertura del nuovo centro e l’avvio dell’iniziativa. In collaborazione con lo Stato dello Utah, l’Università ha varato un nuovo progetto di ricerca per espandere la conoscenza scientifica sulla cannabis medica e assistere pazienti e operatori sanitari nella presa di decisioni più informate in ambito sanitario.

Negli anni seguenti l’avvio del Programma per la Cannabis Medica dello Utah, la legislazione statale dello Utah ha riconosciuto l’urgente necessità di maggiori studi sulla cannabis medica per stare al passo con il crescente numero di affermazioni mediche non comprovate. Per realizzare ciò, e per finanziare il centro, la legislatura statale dello Utah ha approvato il Disegno di Legge 230, firmato dal Governatore dello Utah Spencer Cox il 15 marzo.

High Times ha riferito lo scorso marzo che l’Università dello Utah ha confermato di essere nella fase iniziale di pianificazione per la costruzione del Centro per la Ricerca sulla Cannabis Medica. Il 1 luglio, l’Università dello Utah ha istituito il Centro per la Ricerca sulla Cannabis Medica (CMCR) per creare opportunità di ricerca a supporto dell’uso efficace della cannabis nel nostro Stato.

Il centro potrebbe fornire prove a sostegno delle rivendicazioni mediche in futuro? “Il Centro per la Ricerca sulla Cannabis Medica si impegna a creare opportunità per i ricercatori affinché ricevano il supporto necessario per iniziare a rispondere a questo tipo di domande” afferma Valerie Ahanonu, B.S., responsabile senior del CMCR, in una comunicazione via email a High Times.

Poiché le percezioni culturali sulla cannabis sono cambiate e gli Stati hanno aperto l’accesso ai pazienti che notano benefici con la cannabis medica, la ricerca in questo campo è stata un propulsore principale per rafforzare o confutare queste affermazioni. Dall’epilessia alla cura di supporto oncologico, abbiamo visto la ricerca evidenziare aspetti dell’uso sicuro della cannabis che soddisfano le necessità dei pazienti e identificare i rischi legati al consumo della cannabis” continua Ahanonu.

Ahanonu ha aggiunto: “Il CMCR progetta di essere un fulcro per la ricerca traslazionale che, attraverso sovvenzioni pilota, finanzi studi e sperimentazioni collaborative che non solo mirano ad approfondire la nostra comprensione dei risultati della cannabis medica basati su prove concrete, ma si concentrano anche sugli standard e la qualità dei prodotti di cannabis medica messi a disposizione dei pazienti. Creando una rete di ricercatori multidimensionali che lavorano insieme, speriamo di ispirare un modello dal laboratorio al letto del paziente che promuova la comprensione generale dei benefici terapeutici e dei rischi della cannabis medica.

Il CMCR ha elencato diverse strategie principali per raggiungere questo scopo:

  • Sostenere la ricerca sulla cannabis medica all’interno dell’Università dello Utah e a livello statale
  • Migliorare l’educazione di pazienti, fornitori di assistenza sanitaria e farmacisti sui rischi e i benefici della cannabis
  • Operare per istituire un sito di coltivazione approvato dalla DEA per la cannabis medica di grado ricerca

I leader locali sono fiduciosi. “Questa è una delle istituzioni di ricerca di prim’ordine a livello nazionale” ha detto la rappresentante Jennifer Dailey-ProvostMBA, che rappresenta il Distretto 22Dailey-Provost ha sponsorizzato il disegno di legge che finanzia il CMCR. “Non potevamo sperare in un posto migliore per mantenere il cuore di un programma di ricerca significativo rispetto all’Università dello Utah.”

Il prodotto più venduto del mese su Amazon

Dailey-Provost ritiene che l’università sia ben attrezzata per gestire questo tipo di ricerca e riconosce anche la grande necessità di più dati. “Continuiamo a sentire dai fornitori che semplicemente non hanno informazioni sufficienti per raccomandare questo ai pazienti con tranquillità” dice Dailey-Provost. “Quello di cui abbiamo effettivamente bisogno sono informazioni di ricerca basate sull’evidenza affidabile sul farmaco che già offriamo ai pazienti nello Stato dello Utah.

Per il CMCR, viene descritto l’ampio spettro di ricerche che il centro sosterrà come “dal laboratorio al letto del paziente“. A partire da sovvenzioni iniziali per aiutare gli scienziati a iniziare progetti sulla cannabis medica, il CMCR promuoverà studi che variano dalla caratterizzazione chimica dei componenti attivi della cannabis fino agli studi clinici in fase avanzata.

Il centro collaborerà con il Centro di Apprendimento per la Scienza Genetica dell’Università dello Utah per creare materiale didattico per istruire il pubblico sulla cannabis medica. Questo centro di apprendimento svilupperà materiali atti a fornire a pazienti e fornitori di cure le conoscenze necessarie per prendere decisioni consapevoli.

Inoltre, il CMCR prevede di lavorare con la Biblioteca delle Scienze della Salute Spencer S. Eccles per produrre un database accessibile contenente le informazioni più rigorose e aggiornate nel settore.

Ostacoli della Cannabis Medica negli Stati Uniti

Il centro riconosce le difficoltà che affronta dato che la ricerca sulla cannabis medica è rallentata a causa dello status federale della cannabis. “Un ostacolo significativo alla ricerca sulla cannabis è la limitata disponibilità di cannabis medica di grado ricerca, specialmente da siti approvati dalla DEA” ha reso noto l’università. “Il CMCR mira a eliminare questo collo di bottiglia supportando l’istituzione di un sito di coltivazione di cannabis approvato dalla DEA per la ricerca.

Preparando il terreno per un cambiamento nel modo in cui la ricerca sulla cannabis medica è ostacolata a livello federale, il 2 dicembre 2022, il Presidente Joe Biden ha promulgato la “Legge di Espansione della Ricerca sulla Marijuana Medica e il CannabidioloH.R. 8454” (il Disegno di Legge sulla Ricerca della Cannabis).

Nello Utah, i pazienti della cannabis medica hanno iniziato a richiedere le carte d’identità il 4 luglio 2019, e la coltivazione della cannabis medica è iniziata nell’estate del 2020. I regolatori hanno finalmente rilasciato le licenze per le farmacie nel gennaio 2020, circa un anno e due mesi dopo l’approvazione della legge. Le vendite di cannabis medica sono iniziate nell’ottobre 2020, circa due anni dopo che gli elettori hanno approvato la legge.

Tuttavia, i medici nello Utah sono restii a dare raccomandazioni per la cannabis medica poiché sanno che è stata pubblicizzata come una panacea e che ci sono molte affermazioni mediche non provate. “In certi ambienti, la cannabis medica viene presentata come una cura per tutto, ma penso che aiuterà in alcune cose e non in altre” ha detto Cochran nel comunicato stampa. “La scienza deve prendere l’iniziativa in questo campo affinché continuiamo ad aiutare le persone.”

Il prodotto più venduto del mese su Amazon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *