Vicino
Notizie

Effetti Legalizzazione Cannabis: Meno Giovani Consumatori

Effetti Legalizzazione Cannabis: Meno Giovani Consumatori

Il numero di distribuzioni legali di cannabis è aumentato considerevolmente in Nord America nell’ultimo decennio. Tuttavia secondo studi sugli effetti della legalizzazione della cannabis, ciò non si è tradotto in una maggiore facilità di accesso per i ragazzi.

Il prodotto più venduto del mese su Amazon
Più Venduto # 1
Aps 576 Set di 3 posacenere in melamina nera, Ø 8 x 3 cm
Aps 576 Set di 3 posacenere in melamina nera, Ø 8 x 3 cm
Uso: questo posacenere in melamina fa scomparire la cenere con stile.; Materiale: la melamina è il materiale di base per questi eleganti posacenere.
6,99 EUR Amazon Prime

La presentazione di questo prodotto è stata realizzata con il plugin AAWP.

Questa è la deduzione principale dei dati di sondaggi pubblicati di recente che hanno analizzato le percezioni della cannabis fra i giovani in Canada.

Si è indagato poco su come le percezioni dell’accesso alla cannabis tra i giovani canadesi sotto l’età consentita siano mutate dopo la legalizzazione della cannabis e dall’inizio della pandemia di COVID-19. Pertanto, questo studio indaga l’influenza delle prime fasi del periodo della pandemia di COVID-19 sulle percezioni giovanili dell’accesso alla cannabis nel tempo a partire dall’entrata in vigore della Cannabis Act nel 2018 in un ampio campione di giovani canadesi” hanno scritto i ricercatori nell’introduzione dello studio, pubblicato questo mese nell’Archives of Public Health.

Gli autori dello studio hanno affermato di aver “utilizzato sia dati trasversali ripetuti per esaminare le tendenze generali nelle percezioni dell’accesso alla cannabis, sia dati longitudinali sequenziali per valutare i cambiamenti differenziali nelle percezioni dell’accesso alla cannabis tra gli studenti nel tempo.

Nel campione trasversale, la frequenza degli studenti che riferivano di poter accedere facilmente alla cannabis è diminuita del 26%. Tuttavia, i rispondenti che avevano fatto uso di cannabis erano più propensi a riferire che l’accesso era facile. Nel campione longitudinale, le percezioni dell’accesso facile alla cannabis sono aumentate nel tempo, soprattutto tra gli utilizzatori di cannabis. La percezione della facilità di accesso sembra essere stata leggermente ostacolata durante il periodo iniziale della pandemia, ma ha subito una ripresa durante il periodo pandemico in essere, hanno scritto nel riassunto dei risultati.

In conclusione, i ricercatori hanno detto che, sebbene “la prevalenza dei giovani che riportano che la cannabis è di facile accesso sia diminuita da quando è stata legalizzata e durante i periodi iniziali e correnti della pandemia, un numero significativo di giovani sotto l’età consentita continua a riportare che la cannabis è di facile accesso” il che suggerisce “che vi è un’incessante esigenza di continuare gli sforzi di controllo della cannabis per affrontare questa problematica.”

Mentre è cresciuto il numero di studi incentrati sull’esame dei cambiamenti nel consumo di cannabis tra i giovani canadesi dall’entrata in vigore della Cannabis Act, e più recentemente dall’inizio della pandemia COVID-19, sembra emergere una carenza di ricerche dedicate all’esame dei cambiamenti nelle percezioni dell’accessibilità della cannabis tra i giovani nello stesso periodo di tempo. In risposta, questo studio fornisce prove uniche e inedite di come le percezioni dei giovani sull’accesso alla cannabis siano cambiate dall’entrata in vigore della Cannabis Act, hanno detto nelle loro conclusioni, come citato da NORML, “I nostri dati suggeriscono che nei nostri ampi campioni di giovani, la percezione dell’accesso facile alla cannabis è diminuita in prevalenza da quando è stata legalizzata e durante il periodo di risposta iniziale e corrente alla pandemia.”

L’atto sulla cannabis del 2018 ha reso il Canada solo il secondo paese a legalizzare la marijuana, seguendo l’Uruguay, che aveva legalizzato la sostanza nel 2013.

Il prodotto più venduto del mese su Amazon

La presentazione di questo prodotto è stata realizzata con il plugin AAWP.

Negli Stati Uniti, la legalizzazione è un fenomeno che esiste a livello statale e locale, poiché la cannabis rimane proibita ai sensi della legge federale.

Tuttavia, negli stati dove è stata legalizzata la cannabis per uso adulto, si è verificata una tendenza simile a quella individuata nello studio canadese.

Effetti della legalizzazione della cannabis: uno studio canadese

Uno studio dell’anno scorso ha rilevato che le leggi sulla cannabis ricreativa non erano associate a un cambiamento nella percezione della marijuana tra i giovani.

Nello studio, pubblicato sulla rivista Cannabis and Cannabinoid Research, i ricercatori “hanno cercato di scoprire se i ragazzi negli stati con leggi sulla cannabis ricreativa avessero diminuito la percezione del rischio derivante dalla cannabis rispetto ai ragazzi negli stati con cannabis illegale” notando che man mano che più stati approvano leggi di cannabis ricreativa per adulti, sollevano preoccupazioni che una crescente accettazione della cannabis possa condurre a una percezione ridotta del pericolo che la cannabis rappresenta per i minori.

Gli studiosi hanno affermato di aver “analizzato i dati dello studio multiluogo e multistato sullo Sviluppo Cognitivo e Cerebrale degli Adolescenti per determinare come cambia nel tempo la percezione del pericolo della cannabis tra i ragazzi degli stati con e senza leggi sulla cannabis ricreativa”.

Abbiamo valutato le risposte al sondaggio dei ragazzi nel corso di tre anni, adeguando per il raggruppamento a livello di stato, famiglia e partecipante, e per i fattori a livello individuale, inclusi demografia (sesso, etnia e status socio-economico), religiosità e impulsività caratteriale”, hanno spiegato nel descrivere la loro metodologia.

Gli studiosi hanno riferito che “non vi era un effetto principale significativo delle leggi statali sulla cannabis ricreativa sulla percezione del rischio d’uso della cannabis, e nessuna differenza nel cambiamento nel tempo in base alle leggi statali sulla cannabis ricreativa, anche dopo aver controllato per fattori demografici e altri fattori di rischio (es., impulsività) e protezione (es., religiosità).

L’analisi indica che le leggi statali sulla cannabis ricreativa non sono associate a una percezione del rischio differenziata della cannabis tra i bambini, anche dopo aver controllato per demografia, impulsività caratteriale e religiosità”, hanno detto. “Studi futuri potrebbero valutare come cambia la percezione del pericolo della cannabis man mano che bambini e adolescenti crescono in stati con e senza leggi sulla cannabis ricreativa.

Il prodotto più venduto del mese su Amazon

La presentazione di questo prodotto è stata realizzata con il plugin AAWP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *