Vicino
Notizie

Dispensari Cannabis New York: Previste Nuove Aperture

Dispensari Cannabis New York: Previste Nuove Aperture

L’organo di regolamentazione della cannabis di New York ha annunciato di aver raggiunto un accordo in due cause legali che hanno impedito per mesi l’apertura dei dispensari di cannabis al dettaglio. L’accordo prepara il terreno affinché oltre 400 licenziatari del Programma Condizionale di Dispensari al Dettaglio per l’Uso Adulto (CAURD) possano finalmente inaugurare le loro attività imprenditoriali, dopo mesi di attesa per la risoluzione della disputa legale.

Il prodotto più venduto del mese su Amazon
Risparmi 2,00 EURPiù Venduto # 1
Borsello porta tabacco, cartine, filtri e accendino - Astuccio portatabacco di stoffa Maki
Borsello porta tabacco, cartine, filtri e accendino - Astuccio portatabacco di stoffa Maki
Leggero e facile da portare con sé in tasca, in borsa o nello zaino; È il regalo perfetto per gli amici che preferiscono le sigarette fai-da-te
15,99 EUR Amazon Prime

Le cause contro il Cannabis Control Board (CCB) di New York contestano il processo dell’ente di assegnazione delle licenze per i primi dispensari di cannabis per uso ricreativo dello stato, riservate a individui con precedenti reati legati alla marijuana nel loro passato. Una delle cause è stata intentata da un gruppo di veterani militari, mentre la seconda azione legale è stata promossa da un gruppo di compagnie di marijuana medica alla ricerca di accesso al redditizio mercato al dettaglio della cannabis di New York.

Ad agosto, dopo che solo un numero esiguo di negozi di erba ricreativa avevano aperto, il giudice della Corte Suprema dello Stato, Kevin Bryant, ha emesso un’inibitoria temporanea, bloccando l’apertura di ulteriori dispensari con licenze rilasciate tramite il programma CAURD. Il giudice ha stabilito che il CCB aveva riservato in maniera impropria tutte le licenze iniziali al dettaglio per coloro con condanne per marijuana anziché considerare un gruppo più ampio di candidati all’equità sociale delineato dalla legge newyorkese del 2021 che legalizza la cannabis per adulti.

Successivamente, alcune attività hanno avuto l’autorizzazione ad aprire le proprie porte, ma meno di tre dozzine di negozi hanno iniziato a servire clienti in tutto lo stato. Nel frattempo, oltre 400 imprese approvate per le licenze CAURD sono rimaste in sospeso mentre il dramma legale si prolungava.

Il prodotto più venduto del mese su Amazon

In una riunione straordinaria del CCB, il consiglio ha votato per approvare un accordo negoziato dagli avvocati statali con i legali dei querelanti nelle cause. “L’approvazione dell’accordo di composizione da parte del Cannabis Control Board di New York rappresenta un importante passo avanti nella nostra missione di coltivare un mercato della cannabis vario e inclusivo”, ha dichiarato in una nota l’ente Tremaine Wright, presidente del CCB. “Una volta approvato questo accordo, ci auguriamo che coloro colpiti dall’inibitoria siano stimolati ad aprire le proprie vetrine e ad intraprendere i loro percorsi imprenditoriali, avvicinandoci ai nostri obiettivi.

Annuncio dei Regolatori del Periodo di Presentazione delle Domande per Ulteriori Licenze

L’accordo segue la recente approvazione da parte del CCB di un nuovo periodo di candidatura per licenze per coltivare, distribuire e vendere cannabis. Si prevede che la nuova finestra di richiesta genererà oltre 1000 nuove licenze per il mercato della cannabis per uso ricreativo di New York, che è stato rallentato dall’approvazione ritardata dei rivenditori autorizzati.

Oggi siamo un passo più vicino alla risoluzione delle vertenze legali sollevate dagli imprenditori dell’equità e dai nostri operatori medici che sentivano di essere lasciati indietro”, ha affermato Chris Alexander, direttore esecutivo dell’Ufficio per la Gestione della Cannabis di New York. “Ora che abbiamo aperto le licenze a tutti gli imprenditori dell’equità e fornito un percorso chiaro per la partecipazione al mercato per uso adulto ai nostri operatori medici, siamo in grado di portare avanti insieme questo programma.

Il CCB ha notato che con l’accordo, oltre 400 licenziatari CAURD potranno procedere con l’apertura dei loro negozi.

Il prodotto più venduto del mese su Amazon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *