Vicino
Notizie

Giappone: Cannabis, via libera ai farmaci, stop all’uso ricreativo

Giappone: Cannabis, via libera ai farmaci, stop all’uso ricreativo

Come in molti altri paesi asiatici, la cannabis in Giappone è illegale sia per uso medicinale che ricreativo. Nonostante alcune delle leggi più severe al mondo relative alla cannabis, il futuro di questa sostanza nel Paese del Sol Levante sembra ora leggermente più luminoso grazie a una recente decisione che ha aperto la strada per avviare una nuova industria della cannabis medicinale e della canapa industriale anche se non esente da restrizioni.

Il prodotto più venduto del mese su Amazon
Risparmi 2,00 EURPiù Venduto # 1
Borsello porta tabacco, cartine, filtri e accendino - Astuccio portatabacco di stoffa Maki
Borsello porta tabacco, cartine, filtri e accendino - Astuccio portatabacco di stoffa Maki
Leggero e facile da portare con sé in tasca, in borsa o nello zaino; È il regalo perfetto per gli amici che preferiscono le sigarette fai-da-te
15,99 EUR Amazon Prime

La Camera dei Consiglieri del Giappone ha approvato a maggioranza una modifica alla Legge sul Controllo della Cannabis del paese. Questa ha di fatto revocato il divieto sui farmaci derivati dalla cannabis, stabilendo nel contempo nuove pene penali per l’uso di cannabis, come riportato per la prima volta dal Japan News.

La legge precedente vietava la somministrazione o l’assunzione di medicinali a base di cannabis, ma la legge riveduta ha eliminato questa disposizione e ha riclassificato la cannabis nella categoria degli “stupefacenti” all’interno della Legge sul Controllo degli Stupefacenti. Ciò ha di fatto reso legale l’uso di medicinali derivati dalla cannabis in Giappone, una volta che l’efficacia e la sicurezza siano state confermate e approvate dagli enti competenti in materia farmaceutica. In precedenza, i farmaci derivati dalla cannabis erano ammessi solo per l’uso in sperimentazioni cliniche.

Dato l’effetto positivo dei cannabinoidi nel trattamento dell’epilessia, tra le altre condizioni, ci sono state sempre più richieste nel paese per abolire il divieto precedente. Tuttavia, le leggi riviste hanno anche introdotto un divieto sull’uso non autorizzato di cannabis, stabilendo una pena detentiva fino a sette anni per le violazioni, come riportato dal Japan Times. In precedenza, il paese criminalizzava solo l’importazione, esportazione, coltivazione, cessione e possesso di cannabis.

La mancanza di criminalizzazione per l’uso di cannabis era in parte per proteggere gli agricoltori che potrebbero assorbire accidentalmente i composti della pianta mentre la coltivano per l’uso nei prodotti di canapa.

Questa modifica è stata in parte dovuta alla crescente preoccupazione per l’uso di cannabis tra i giovani, poiché gli arresti per cannabis (in particolare tra le fasce d’età più giovani) sono aumentati più che per qualsiasi altra droga negli ultimi anni. Nel 2021, il Giappone ha registrato un numero record di arresti con 5.783 e circa il 70% di queste persone aveva meno di 20 anni.

Nonostante il sostegno all’abolizione del divieto sulla cannabis medicinale, il partito politico di sinistra Reiwa Shinsengumi si è opposto alle modifiche alla Legge sul Controllo della Cannabis che hanno creato nuove pene penali per l’uso di cannabis.

Il prodotto più venduto del mese su Amazon

Quello che prima non aveva penalità sarà ora severamente punito, con un massimo di sette anni di prigione. Ho opposto al disegno di legge perché qui c’è un problema serio” ha detto il rappresentante Taro Yamamoto, leader del partito.

È probabile che il governo definisca anche i livelli consentiti di THC nei prodotti derivati dalla cannabis nel tempo. Attualmente, il CBD e altri prodotti derivati dalla canapa possono essere legalmente importati in Giappone, purché non presentino livelli osservabili di THC e siano estratti da “steli e semi”.

Quando si tratta dell’industria del CBD e della canapa, già in fiorente crescita nel paese, la modifica consentirà verosimilmente di importare legalmente nel Giappone prodotti derivati dal fiore, a condizione che il contenuto di THC rientri nei limiti di recente definizione.

La nuova modifica richiede inoltre al governo di stabilire un quadro per promuovere la coltivazione della canapa all’interno del Giappone, il che potrebbe ridurre la dipendenza del paese dalle importazioni. Il governo ha intenzione di aumentare il numero delle licenze di coltivazione nel paese modificando l’attuale Legge sul Controllo della Cannabis in Legge sulla Regolamentazione della Coltivazione delle Piante di Cannabis.

Con ciò, il Giappone rilascerà due tipi di licenze per i coltivatori: una, già disponibile, consente agli agricoltori di coltivare e raccogliere la canapa industriale, e l’altra consentirà la produzione di cannabis per scopi medici o farmaceutici. Quest’ultimo tipo di licenza sarà una novità per il Giappone.

Si prevede che la modifica entrerà in vigore entro un anno dalla promulgazione e che i cambiamenti relativi alle licenze di coltivazione della cannabis seguiranno entro due anni.

Il prodotto più venduto del mese su Amazon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *